• Lebron 11 low
  • Jordan 6 retro
  • Lebron xi
  • email
  • Messaggio
    • EU e-Privacy Directive

      This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

      View Privacy Policy

    Home Lotte e movimenti antifascismo L'11 Settembre che nessuno ricorda...

    L'11 Settembre che nessuno ricorda...

    E-mail Stampa PDF

    L'11 settembre 1973 Victor Jara (1932-1973 cantante e uomo di teatro, autore di canzoni che parlavano soprattutto della vita della gente umile, dell’amore ma anche dell’impegno civile e politico), fu arrestato dai militari fascisti di Pinochet e imprigionato nel famigerato Estadio Nacional de Chile (detto "Estadio Chile"). Vi rimase per sedici giorni, durante i quali, con mezzi di fortuna, continuò a comporre canzoni e poesie. Quella che segue, probabilmente è la sua ultima (gli fu trovata in tasca). Quattro giorni dopo, gli furono prima spezzate le mani in mezzo alle grida di scherno di quei militari di merda ("Su, cantaci una canzoncina ora!"), poi gli furono tagliate. Fu poi ucciso.

    Lo stadio di Santiago ora si chiama Estadio Víctor Jara.


    ESTADIO DE CHILE
    (Victor Jara)

    Siamo in cinquemila, qui,
    In questa piccola parte della città.
    Siamo in cinquemila.
    Quanti siamo, in totale,
    Nelle città di tutto il paese?
    Solo qui
    Diecimila mani che seminano
    E fanno marciare le fabbriche.
    Quanta umanità
    In preda alla fame, al freddo, alla paura, al dolore,
    Alla pressione morale, al terrore, alla pazzia.

    Sei dei nostri si son perdi
    Nello spazio stellare.
    Uno morto, uno colpito come non avevo mai creduto
    Si potesse colpire un essere umano.
    Gli altri quattro hanno voluto togliersi
    Tutte le paure
    Uno saltando nel vuoto,
    Un altro sbattendosi la testa contro un muro,
    Ma tutti con lo sguardo fisso alla morte.
    Che spavento fa il volto del fascismo!
    Portano a termine i loro piani con precisione professionale
    E non gl'importa di nulla.
    Il sangue, per loro, son medaglie.
    La strage è un atto di eroismo.
    È questo il mondo che hai creato, mio Dio?
    Per tutto questo i tuoi sette giorni di riposo e di lavoro?
    Tra queste quattro mura c'è solo un numero
    Che non aumenta.
    Che, lentamente, vorrà ancor più la morte

    Ma all'improvviso mi colpisce la coscienza
    E vedo questa marea muta
    E vedo il pulsare delle macchine
    E i militari che mostrano il loro volto di matrona
    Pieno di dolcezza.
    E il Messico, Cuba e il mondo?
    Che urlino questa ignominia!
    Siamo diecimila mani
    In meno che producono.
    Quanti saremo in tutta la patria?
    Il sangue del Compagno Presidente
    Colpisce più forte che le bombe e le mitraglia.
    Così colpirà di nuovo il nostro pugno.

    Canto, che cattivo sapore hai
    Quando devo cantar la paura.
    Paura come quella che vivo,
    Come quella che muoio, paura.
    Di vedermi fra tanti e tanti momenti di infinito
    in cui il silenzio e il grido
    sono i fini di questo canto.
    Ciò che ho sentito e che sento
    Farà sbocciare il momento.

    Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 11 Settembre 2013 23:35 )  

    Ci trovi tutti i giorni presso Aula Autogestita R5
    Assemblea: Mercoledì, ore 14:00

    Palazzo Giusso, Uni. Orientale

    27NOV Corteo Nazionale a Roma

    ★ 19OTT: INIZIATIVA ALL'UNIVERSITA' ★

    Ex Opg "Je so Pazzo" on facebook

    

    Approfondimenti

     

    Materiali resistenti

    [Video] No Casa Pound Napoli
    (a cura del Cau)

    [Dossier] Casa Pound Napoli: chi sono che fanno che legami hanno a cosa servono i fascisti del terzo millennio
    (a cura del Cau)

    Il giorno prima della felicità, o come ci liberammo dai fascisti
    Considerazioni a caldo dopo il corteo contro Casa Pound del 30 Settemre
    (a cura del Cau)

    Chi controlla il passato controlla il futuro Riscrittura della storia e criminalizzazione del dissenso Nell'Unione Europea
    (a cura del Cau)

    [Opuscolo] "Senza memoria non c'è futuro!"
    (a cura del Cau) 


  • discount
  • experience
  • favorable
  • generalize
  • information
  • manufacturers
  • marketing
  • popularize
  • poster
  • quality
  • vender