• Lebron 11 low
  • Jordan 6 retro
  • Lebron xi
  • email
  • Messaggio
    • EU e-Privacy Directive

      This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

      View Privacy Policy

    Home Cosa facciamo iniziative Assemblee di ateneo verso il referendum: gli studenti dicono NO!

    Assemblee di ateneo verso il referendum: gli studenti dicono NO!

    E-mail Stampa PDF

    #ilpopolodiceNO!
    ASSEMBLEEE D'ATENEO ALLA FEDERICO II: 17 NOV H 12.30
    Aula Ottagono - sede centrale (c.so Umberto I)
    Aula G3 - Monte Sant'angelo (v. Cintia)
    evento facebook

    Verso il corteo regionale del 18 novembre a p.zza Garibaldi!

     

    Manca quasi un mese al 4 dicembre, giorno in cui ci sarà il Referendum sulla Riforma Costituzionale.

     

    E' già un po' di tempo che Renzi e i rappresentanti del Governo sbucano ogni giorno in TV per convincerci di quanto sia giusta e doverosa questa "riforma". Le "ragioni del NO", al contempo, appaiono relegate ad una nicchia di esperti della materia.

    Da studenti universitari, invece, pensiamo che questa tematica ci riguardi da vicino e abbiamo voglia di discuterne insieme nei nostri Atenei.

    Vogliamo parlarne come studenti, come giovani lavoratori precari, o semplicemente come ragazzi che si chiedono se riusciranno mai a costruirsi un futuro dignitoso.

    Ancora prima di poter pensare al futuro, d'altronde, è impossibile non constatare che il trend adottato da tutti i Governi negli ultimi anni sia quello di tagliare fondi a Università e Ricerca (soprattutto alle università di "serie B"), di calpestare il diritto allo studio (qualcuno ha sentito parlare di borse di studio, mense e alloggi garantiti per tutti?!) facendoci pagare tasse sempre più alte.  Non è escluso il Governo Renzi, che ci ha regalato, in più, un colpo alla scuola -sia per chi di noi ne è appena uscito, sia per chi sperava di lavorarci-; un colpo al lavoro condannandoci a contratti di 3 mesi senza diritti; un colpo alle pensioni; un colpo alla salute nostra e dei nostri territori.

    Cosa c'entra, quindi, il voto del 4 dicembre con il nostro futuro?

    Pensiamo che l'eventuale approvazione di questa "Riforma" proprio perchè porterà ad un preoccupante accentramento del potere nelle mani del Governo, renderà anche più semplice per Renzi e "i suoi" accelerare tutti i processi già avviati, senza passare dal "via".

    Pensiamo, inoltre, che sia una manovra che vada a ridurre ulteriormente i pochi spazi di democrazia rimasti nel nostro Paese e che allontani ancora di più le persone dalla possibilità di partecipazione alla politica, intesa come presa di parola su ciò che riguarda le nostre vite!

    Pensiamo sia doveroso, quindi, non solo andare a votare "NO" il 4 dicembre, ma informarci per bene ed informare chi conosciamo, partecipare alla campagna referendaria e portare questa tematica nei luoghi che viviamo quotidianamente.

    C'è la possibilità di dare  un grosso segnale a questo Governo e non possiamo tirarci indietro, con la consapevolezza che la vera sfida è tutta da costruire!

    Da studenti crediamo di essere una parte importante della società, e pretendiamo di poter utilizzare le nostre università per quello che dovrebbero essere: luoghi di formazione, di confronto e di creazione di coscienze critiche.

    Per questo, affinchè tutti gli studenti tutti possano prendere parte al dibattito abbiamo organizzato delle assemblee di ateneo con blocco della didattica!



    Manca quasi un mese al 4 dicembre, giorno in cui ci sarà il Referendum sulla Riforma Costituzionale.
    E' già un po' di tempo che Renzi e i rappresentanti del Governo sbucano ogni giorno in TV per convincerci di quanto sia giusta e doverosa questa "riforma". Le "ragioni del NO", al contempo, appaiono relegate ad una nicchia di esperti della materia.
    Da studenti universitari, invece, pensiamo che questa tematica ci riguardi da vicino e abbiamo voglia di discuterne insieme nei nostri Atenei.
    Vogliamo parlarne come studenti, come giovani lavoratori precari, o semplicemente come ragazzi che si chiedono se riusciranno mai a costruirsi un futuro dignitoso.
    Ancora prima di poter pensare al futuro, d'altronde, è impossibile non constatare che il trend adottato da tutti i Governi negli ultimi anni sia quello di tagliare fondi a Università e Ricerca (soprattutto alle università di "serie B"), di calpestare il diritto allo studio (qualcuno ha sentito parlare di borse di studio, mense e alloggi garantiti per tutti?!) facendoci pagare tasse sempre più alte.  Non è escluso il Governo Renzi, che ci ha regalato, in più, un colpo alla scuola -sia per chi di noi ne è appena uscito, sia per chi sperava di lavorarci-; un colpo al lavoro condannandoci a contratti di 3 mesi senza diritti; un colpo alle pensioni; un colpo alla salute nostra e dei nostri territori.
    Cosa c'entra, quindi, il voto del 4 dicembre con il nostro futuro?
    Pensiamo che l'eventuale approvazione di questa "Riforma" proprio perchè porterà ad un preoccupante accentramento del potere nelle mani del Governo, renderà anche più semplice per Renzi e "i suoi" accelerare tutti i processi già avviati, senza passare dal "via".
    Pensiamo, inoltre, che sia una manovra che vada a ridurre ulteriormente i pochi spazi di democrazia rimasti nel nostro Paese e che allontani ancora di più le persone dalla possibilità di partecipazione alla politica, intesa come presa di parola su ciò che riguarda le nostre vite!
    Pensiamo sia doveroso, quindi, non solo andare a votare "NO" il 4 dicembre, ma informarci per bene ed informare chi conosciamo, partecipare alla campagna referendaria e portare questa tematica nei luoghi che viviamo quotidianamente.
    C'è la possibilità di dare  un grosso segnale a questo Governo e non possiamo tirarci indietro, con la consapevolezza che la vera sfida è tutta da costruire!
    Da studenti crediamo di essere una parte importante della società, e pretendiamo di poter utilizzare le nostre università per quello che dovrebbero essere: luoghi di formazione, di confronto e di creazione di coscienze critiche.
    Per questo, affinchè tutti gli studenti tutti possano prendere parte al dibattito abbiamo organizzato un'assemblea di ateneo con blocco della didattica che si terrà il giorno XXX alle ore XXX nell'aula XXX.
    Ultimo aggiornamento ( Lunedì 14 Novembre 2016 20:02 )  

    Ci trovi tutti i giorni presso Aula Autogestita R5
    Assemblea: Mercoledì, ore 14:00

    Palazzo Giusso, Uni. Orientale

    27NOV Corteo Nazionale a Roma

    ★ 19OTT: INIZIATIVA ALL'UNIVERSITA' ★

    Ex Opg "Je so Pazzo" on facebook

    

  • discount
  • experience
  • favorable
  • generalize
  • information
  • manufacturers
  • marketing
  • popularize
  • poster
  • quality
  • vender