• Lebron 11 low
  • Jordan 6 retro
  • Lebron xi
  • email
  • Messaggio
    • EU e-Privacy Directive

      This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

      View Privacy Policy

    Home Cosa facciamo iniziative 3 NOV| Che succede in Palestina? Tra occupazione e resistenza. Incontro con Chiara Cruciati (Il Manifesto, Nenanews)

    3 NOV| Che succede in Palestina? Tra occupazione e resistenza. Incontro con Chiara Cruciati (Il Manifesto, Nenanews)

    E-mail Stampa PDF

    evento facebook

    MARTEDì 3 NOVEMBRE
    H18 all' Ex OPG Occupato - Je so' pazzo
    Incontro di aggiornamento e approfondimento con:


    COLLETTIVO AUTORGANIZZATO UNIVERSIARIO
    CAU Napoli - Giulia Valle

    CHIARA CRUCIATI
    giornalista di Nena News
    colllaboratice de Il Manifesto
    appena tornata dai Territori Occupati in Cisgiordania

     

    Cosa sta succedendo in Palestina? Da settimane ci arrivano le notizie piú assurde sulla violenza esplosa in quei territori, ma come spesso accade dalla TV e dai giornali non c'è mai chiarezza, perchè si omette una questione fondamentale: l'occupazione militare e le politiche israeliane verso i palestinesi. I palestinesi, che non hanno uno stato, non possono votare e influire su chi ogni giorno li governa, li arresta, li bombarda quando gli pare, costruisce muri, demolisce le loro case, sequestra terreni e risorse e hanno quindi da sempre una sola possibilitá: RESISTERE, resistere con ogni mezzo necessario alla violenza e al colonialismo di Israele.
    La storia della resistenza palestinese è una storia di incredibile coraggio, dignitá e umanitá. È la storia di un popolo che negli ultimi 150 anni quasi ogni 10 anni è insorto contro lo sfruttamento e l'oppressione, e quotidianamente ha portato avanti la propria esistenza sfidando l'umiliazione, la violenza, l'arroganza del sionismo mentre Israele non ha mai cercato il dialogo e anzi in anni di negoziati ha solo portato avanti il proprio progetto criminale di espansione e costruzione del muro, delle colonie, dell'occupazione.
    Martedì 3 novembre all' Ex OPG Occupato - Je so' pazzo, vogliamo finalmente dare voce alla veritá, alle storie sempre dimenticate dai nostri media che proteggono gli interessi italiani economici e militari con Israele.

    -----
    Je so’ pazzo è un ex-opg (ospedale psichiatrico giudiziario) occupato nel marzo 2015 da un gruppo di studenti, lavoratori, disoccupati, per sottrarlo all’abbandono e per restituirlo alla città, per ricostruire la memoria di questo luogo terribile di esclusione e tortura, e lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità.

    -----
    Come arrivare all'Ex OPG "Je so' pazzo"?
    - Metro Linea 1: Fermata Materdei
    (5 minuti a piedi verso Salita San Raffaele)
    - Dal centro storico (15 minuti a piedi):
    arrivare al museo nazionale e salire via Salvator Rosa,
    all'incrocio con via Imbriani ci trovate sulla destra.

    Ultimo aggiornamento ( Martedì 27 Ottobre 2015 19:15 )  

    Ci trovi tutti i giorni presso Aula Autogestita R5
    Assemblea: Mercoledì, ore 14:00

    Palazzo Giusso, Uni. Orientale

    27NOV Corteo Nazionale a Roma

    ★ 19OTT: INIZIATIVA ALL'UNIVERSITA' ★

    Ex Opg "Je so Pazzo" on facebook

    

  • discount
  • experience
  • favorable
  • generalize
  • information
  • manufacturers
  • marketing
  • popularize
  • poster
  • quality
  • vender